Welcome to !

 Gabriele Paolini
- Paolini senza censure
- La Sessualità
    Paoliniana

- La famiglia
- Stelle in cielo
- Gli amici
- Dicono di lui

 Rubriche
- Gli scoop
- Le querele ricevute
- Le querele presentate
- La Lista Nera di Paolini
- Immagini Artistiche Paoliniane
- Fans e Fan Club

 Le battaglie

- Gli inquinamenti
- I nemici storici
- Rassegna stampa
- I numeri


Una scelta di vita




Gabriele Paolini10 dicembre 1994. Una morte atroce, lenta, spietata. Aveva solo 22 anni, amava vivere. Era un amico che amavo profondamente. Per un solo rapporto sessuale con una prostituta, senza adoperare il preservativo, è morto di AIDS.


Mi sono chiesto tante volte perché quel mio “sfortunato amico” fosse arrivato ad essere così imprudente nel non volersi tutelare, facendo sesso con una persona che non aveva mai visto prima. Ebbene, credetemi, una risposta non sono riuscito a darmela. Però, da quel momento sono profondamente cambiato, dentro di me è esplosa una grande energia positiva, un forte desiderio di trasmettere a tutti, giovani e non, un messaggio di prudenza, inculcare quindi l’importanza dell’utilizzo del profilattico, come il solo e unico oggetto capace di impedire, facendo del sesso, malattie di ogni genere. Ogni essere umano ha la libertà, in base alla propria religione, al proprio modo di essere, di decidere se è peccato o indispensabile proteggersi con il condom.

Per me il preservativo è una difesa non solo per l’AIDS ma per le tante malattie veneree ed ancora come strumento capace di diminuire le tante nascite in quei Paesi con gravi difficoltà economiche, all’interno dei quali i bambini, essendo troppi, subiscono atrocità di ogni genere, vengono venduti, inseriti nel mercato della prostituzione o ancor peggio uccisi al fine di recuperarne gli organi.

Senz’altro è più giusto invitare o se è necessario educare gli individui adulti a non mettere al mondo dei figli se non si è in grado di sfamarli e educarli alla vita. Il 22 settembre 1997 ho deciso così di mettere su il Movimento d’opinione ‘Missione Preservativo’, svincolato da qualsiasi sottoscrizione, per portare avanti alcuni miei pensieri riguardo l’importanza dell’oggetto condom (oggi posso contare su comitati sparsi in diverse regioni d’Italia).

Per centrare i miei obiettivi al meglio, ho studiato per diverso tempo una strategia d’attacco davvero impeccabile. La prima fase l’ho dedicata nel richiamare l’attenzione sulla mia persona, facendo irruzioni in dibattiti politici, conferenze stampa legate allo sport – spettacolo – economia, trasmissioni televisive, luoghi sportivi. In ognuna di queste irruzioni ho sparpagliato preservativi a destra e a sinistra. Centinaia e centinaia di condom. Il risultato è stato immediato: attenzione dei giornalisti di quotidiani, riviste, radio e Tv. Piano, piano, provocazione dopo provocazione, sempre con il condom in mano e lanciando slogan pro-prevenzione, i mass-media hanno cucito sulla mia persona un Personaggio, ‘Il Profeta del Condom’.

Di conseguenza l’articolo su quotidiano ha richiamato l’attenzione della rete televisiva, il programma Tv ha colpito lo spettatore televisivo. Nel giro di un anno e mezzo, da gennaio 1997 a giugno 1998, dopo centinaia e centinaia di blitz Tv pro-condom, sono riuscito a diventare un Personaggio Pubblico, portatore di un messaggio pro-vita. Insomma chi vede oggi il mio volto lo associa subito a “quello del preservativo”, ho in un certo senso annullato la mia personalità per rappresentare con il mio corpo, la mia testa e soprattutto la mia faccia un oggetto, il condom.

Una scelta chiara e voluta senza alcun condizionamento. La seconda fase, cominciata nel luglio 1998 e che durerà fin quando avrò energia per portare avanti la mia causa pro-condom (mi auguro almeno per altri 100 anni), l’ho incentrata nel presenziare un po’ tutte le più importanti dirette Tv nazionali, collocandomi dietro il conduttore del programma x, alle spalle dell’inviato del telegiornale y, a fianco del politico z.

In tutte queste situazioni c’è solo il mio corpo e il mio volto che comunica, come ho già scritto sopra; non mostro più alcun preservativo, non interrompo più i collegamenti Tv come un tempo. Non c’è più necessità dunque di creare scandali o chiacchiericcio attorno alla mia persona, in quanto ho raggiunto il mio scopo, ovvero: “ESSERE LO SPOT UMANO DEL CONDOM”.









Copyright © byIl sito ufficiale di Gabriele Paolini, il profeta del condomTutti i diritti riservati.

Pubblicato su: 2004-06-22 (37395 letture)

[ Indietro ]




Il sito ufficiale di Gabriele Paolini, il profeta del condom
Gabriele Paolini (c)
Generazione pagina: 0.046 Secondi