Welcome to !

 Gabriele Paolini
- Paolini senza censure
- La Sessualità
    Paoliniana

- La famiglia
- Stelle in cielo
- Gli amici
- Dicono di lui

 Rubriche
- Gli scoop
- Le querele ricevute
- Le querele presentate
- La Lista Nera di Paolini
- Immagini Artistiche Paoliniane
- Fans e Fan Club

 Le battaglie

- Gli inquinamenti
- I nemici storici
- Rassegna stampa
- I numeri


02-06-2004 - La posta del condom




Numero speciale della rubrica di domande e risposte con Gabriele Paolini. Per oggi, abbiamo selezionato le domande più cattive arrivate alla casella di posta (gabrielepaolini@gabrielepaolini.it), alla quale invitiamo tutti a scrivere per porre i loro quesiti


Ti ho visto al TG questa mattina mentre facevi una delle solite tue buffonate, peccato che ti trovavi davanti all'edificio dove era allestita la camera ardente del Dott. Umberto Agnelli.
VERGOGNATI!
Dopo il cervello (ammesso che tu l'abbia mai avuto) hai perso anche il rispetto per le persone e il loro dolore.
Come si dice: MA VA A LAURA' GNURANTON! (Ferdani)


Non credo che sia opportuno da parte sua parlare di rispetto e poi sostenere che “non ho cervello”. Per quanto riguarda il funurale di Umberto Agnelli, si tratta di un evento mediatico. A qualcuno potrà sembrare sgradevole la mia presenza in queste occasioni, ma è proprio in questi casi che posso mettere a nudo tutta l’ipocrisia della televisione. Infatti, qual è il senso di queste costosissime dirette, che peraltro quando si parla di Rai gravano su tutti i cittadini (almeno quelli che pagano il canone)? Di cosa si tratta, se non mostrare una sfilata di vip e gente comune, che servirà per dare spettacolo, ma che non ha nessuna motivazione giornalistica. E per quanto riguarda il rispetto nei confronti del defunto, come segnalato nella notizia sul mio fermo, ho avuto modo di porgere le mie condoglianze a Susanna Agnelli, che mi ha abbracciato calorosamente. Più di questo, non so cosa dovrei fare…

Scusa Gabriele, ma visto che sei tanto attento alla legge (“un addetto gli chiese di lasciare lo zaino nel guardaroba. Al rifiuto di Paolini, gli venne chiesto di controllare il contenuto, cosa che però, a norma di legge, può essere fatta esclusivamente da un pubblico ufficiale”) poi, però non puoi rompere se a loro volta la applicano!! (“Ma avendolo riconsegnato con un solo giorno di ritardo rispetto ai cinque concessi per la sostituzione, non ha ottenuto un telefonino funzionante”).
Che poi il cellu non riescano a riparartelo questo è un altro paio di maniche.... Sbaglio? (Massimo)


Per chi non l’avesse vista, il lettore si riferisce alla sezione “Da evitare!” , nella quale abbiamo inserito alcuni esercizi commerciali poco rispettosi della loro clientela. Nel caso menzionato, non si tratta tanto di una questione legale, quanto di un disservizio nei confronti del consumatore, che avrebbe potuto essere evitato con una maggiore flessibilità. Io penso di fare un favore a chi magari pensa di andare in questo negozio, segnalandogli i problemi che ho avuto, per far sapere i rischi che si corrono…

E' da tempo che volevo chiederti quando comincerai a capire che dovrai lavorare per vivere.le tue iniziative sono lodevoli ma più che rappresentare il preservativo la tua faccia rappresenta quello che c'è dentro.
Usare una persona scomparsa prematuramente per creare un personaggio. Vai a lavorare. (YesGlobal)


Come già detto molte volte, la mia attività, oltre ad essere una missione in cui credo, è un lavoro a tempo pieno, che peraltro mi dà anche da vivere (per chi volesse maggiori informazioni, le può trovare nelle FAQ). Questo può piacere o meno, ma è un dato di fatto e anche i miei maggiori detrattori non avranno problemi ad ammettere che ci sono “lavori” più dannosi per la società (traffico di droga o di pornografia infantile, tanto per fare due banali esempi).
Non credo peraltro di aver speculato sulla memoria del mio amico morto di Aids. Piuttosto, ho reagito in maniera positiva ad un dramma che mi aveva colpito molto, cercando di fare tutto il possibile per sensibilizzare le persone e diminuire così il numero dei contagiati da questa terribile malattia.

Ho visto il suo sito, e mi sembra davvero tutto tranne che un manifesto di buoni intenti verso la divulgazione della prevenzione all'AIDS, punto nodale sono le diverse pubblicità soprattutto quella della Bios dove il test per l'HIV viene proposto ad un prezzo davvero modico...
peccato che in ospedale sia gratuito! Non è certo con le sue buffonerie che si aiuta la prevenzione ma andando e lavorando gratuitamente nel sociale...e ne conosco alcune di persone senza trarne vantaggi personali.
Cordiali saluti
una biologa (Bficociello)


Preciso subito che non abbiamo ricevuto soldi da nessuno degli esercizi commerciali segnalati, tantomeno da parte della Bios. Piuttosto, abbiamo ricevuto i complimenti di Fernando Aiuti, celebre immunologo presidente dell’Anlaids. La biologa che ci scrive ha perfettamente ragione nel dire che in ospedale il test è gratuito, ma dimentica un particolare fondamentale. Per fare la visita in ospedale, c’è ovviamente bisogno del certificato medico. Per molti, questo è impossibile. Il sedicenne che ha dei dubbi non andrà dal medico di famiglia, perché molto probabilmente non vuole far sapere nulla ai suoi genitori. E anche i meno giovani cercano la riservatezza, evitando di andare in strutture pubbliche. Le posso assicurare che ogni giorno vengo fermato da molte persone che mi chiedono dove andare a fare il test, non potendo/volendo farlo in una struttura pubblica. E se 42 euro (il costo del test al Bios) non saranno una cifra indifferente, consideri che la maggior parte delle strutture private partono dai 100 euro in su. Spero di aver chiarito questo (ragionevole) dubbio e colgo l’occasione per invitare tutti a segnalarci centri analoghi in tutta Italia con costi ragionevoli.


La battuta di Palmiro Cangini della settimana scorsa a Zelig ti starebbe benissimo: sei inutile come un culo senza buco. Ma non ti rendi conto che sei solo un coglione che non ha un cazzo da fare tutto il giorno e va in giro a rompere le balle a della gente che sta lavorando? Non hai niente di meglio da fare? Non hai un lavoro? Ma piuttosto, porca puttana, va in qualche centro di recupero o casa di riposo a fare volontariato o trovati un pezzo di morosa e vai fuori dai coglioni.
Hai rotto all'impossibile, non se ne può più di vederti in tutti i telegiornali x rompere le palle. Il giorno ke annunceranno il tuo funerale saranno tutti lì a fare salti di gioia!!! Mi vedo già i titoli del sommario: finalmente Paolini non romperà più le palle!
Non ti dedico altro tempo, ne ho già perso troppo.
Fottiti, Valerio.


Rassicuro subito il nostro simpatico lettore. In effetti, è già stato organizzato un mio funerale e in quell’occasione ho avuto il piacere (anche da morto) di essere ripreso dalle telecamere di Blob. Nel caso dovessimo ripetere questa gioiosa esperienza, non mancherò di invitarti per darti questa gioia…









Copyright © byIl sito ufficiale di Gabriele Paolini, il profeta del condomTutti i diritti riservati.

Pubblicato su: 2004-06-02 (5370 letture)

[ Indietro ]




Il sito ufficiale di Gabriele Paolini, il profeta del condom
Gabriele Paolini (c)
Generazione pagina: 0.046 Secondi