Welcome to !

 Gabriele Paolini
- Paolini senza censure
- La Sessualità
    Paoliniana

- La famiglia
- Stelle in cielo
- Gli amici
- Dicono di lui

 Rubriche
- Gli scoop
- Le querele ricevute
- Le querele presentate
- La Lista Nera di Paolini
- Immagini Artistiche Paoliniane
- Fans e Fan Club

 Le battaglie

- Gli inquinamenti
- I nemici storici
- Rassegna stampa
- I numeri


GABRIELE PAOLINI, IL PRESENZIALISTA TV, DIMOSTRA CHE IL SUPERENALOTTO E’ UNA COLOSSALE TRUFFA!!!.







Gabriele Paolini, l’Arlecchino della TV, dal 2002 nel “Guinness dei Primati”, per via dei suoi 30.000 ‘sabotaggi catodici’, e’ in grado di dimostrare pubblicamente che il Superenalotto e’ una colossale truffa!!!. Attraverso il suo Ufficio Stampa, il Signor Orazio Colicino, Paolini fa sapere cosi’ alla stampa: “Dobbiamo andare per gradi. Il Superenalotto è un gioco d'azzardo a premi gestito dalla Sisal, introdotto per la prima volta in Italia il 3 dicembre 1997, in sostituzione del gioco dell'Enalotto. Nel regolamento originario, in vigore fino al 30 giugno 2009, la combinazione vincente, esattamente come l'Enalotto, era legata alle estrazioni del lotto ed era composta dai primi numeri estratti delle ruote di Bari, Firenze, Milano, Roma, Napoli e Palermo. Qualora il primo numero estratto in una delle ruote suddette fosse stato uguale ad un precedente primo estratto, si considerava valido ai fini del gioco il secondo numero di tale ruota, e così via fino al quinto. Tale metodo di determinazione della sestina vincente presentava, però, una piccola probabilità di impossibilità di compilazione della stessa (eventualità prevista nell'articolo 3 del vecchio regolamento): se i cinque numeri estratti di una delle sei ruote fossero coincisi con i primi estratti delle restanti cinque, non sarebbe stato possibile stabilire il sesto numero; in questo caso nessuno avrebbe potuto vincere il montepremi previsto per il "6". A questi numeri si affiancavano il cosiddetto "Numero Jolly", ovvero il primo estratto (o il secondo o il terzo e così via in caso di uguaglianza) della ruota di Venezia, ed il numero "SuperStar", ovvero il primo estratto sulla ruota nazionale. Dal 1º luglio 2009, con l'entrata in vigore del nuovo regolamento, la combinazione vincente del Superenalotto ed i numeri Jolly e SuperStar non dipendono più dai numeri estratti sulle ruote del Lotto, ma da due estrazioni separate (una per determinare la sestina ed il Jolly e un'altra a parte per il SuperStar), effettuate mediante macchine a mescolamento pneumatico. Il Superenalotto (a differenza, ad esempio, del Lotto) è un gioco a vincita variabile, nel senso che il montepremi (più eventualmente il jackpot del concorso precedente) di ogni concorso viene suddiviso nelle 5 categorie di vincita e spartito in modo equo tra i vincitori delle singole categorie. Pertanto la vincita dipende dal montepremi e dal numero di altri vincitori della stessa categoria.

La probabilità di vincita di cifre molto elevate è estremamente bassa; nonostante ciò il gioco ha attratto, fin dal 1997, moltissimi giocatori, interessati alle cifre milionarie messe in palio ad ogni concorso. Per dare un'idea di quanto sia remota l'eventualità di una vincita secca (cioè di un 6), questa ha una probabilità di verificarsi di 1 su 622.614.630 per ogni combinazione giocata. La vincita più alta, ottenuta il 22 agosto 2009, a Bagnone, è stata di 147.807.299,08 euro.

Dal 3 dicembre 1997 seguo con estrema attenzione tutte le estrazioni del Superenalotto. Voglio sottolinearvi una realta’ che e’ sotto gli occhi di tutti!!!. Dalla storia non si scappa. Pongo una semplice domanda. Come mai nei primi anni di storia del Superenalotto le sestine vincenti arrivavano ad un massimo di 44 / 72 milioni di euro?. Faccio degli esempi concreti. Il 6 febbraio 1999 e’ uscita una sestina vincente, in quel di Grottaglie (Taranto), che ha riconosciuto al vincitore la somma di 44.655.183,88 euro. Il 24 marzo 2004 e’ la volta del 6 uscito a Bari che ha dato al fortunato vincitore la somma di 45.740.866,23 euro. Il 17 dicembre del 2005 il 6 milionario e’ uscito a Sangano (Torino) ed ha regalato al vincitore 62.524.371,05 euro. Il 19 maggio 2007 il 6 milionario e’ uscito a Savignano sul Rubicone (Forli’). Il 6 milionario e’ stato di 71.439.610,83 euro. Il 23 ottobre 2008 il 6 e’ uscito a Catania, ben 100.756.197,30 euro. Ed infine il 22 agosto 2009 la sestina vincente e’ uscita a Bagnone (Massa Carrara); la vincita, come detto sopra, e’ stata di 147.807.299,08 euro.

Cosa sostengo dunque?. Molto semplice!!!. Per rendere sempre piu’ invogliante il gioco ‘vizioso’ del Superenalotto i responsabili che gestiscono l’estrazione, nel corso degli anni, hanno volutamente fatto ritardare l’uscita della sestina vincente. In questo modo il montepremi per chi azzecca il 6, dal 1997 ad oggi, e’ sempre stato piu’ elevato. E’ dunque solo un caso???. Assolutamente no!!!. L’uscita del 6 e’ ovviamente decisa a tavolino!!!. Ed io l’ho ampiamente dimostrato!!!. Ne ho le prove. Il 22 agosto 2009, sotto la sede dell’Agenzia di Stampa nazionale Adnkronos, in Piazza Mastai, a Roma, intorno alle 14.00, ho portato avanti una ‘performance’ contro il gioco del Superenalotto, bruciando alcune schedine. All’epoca dichiarai, in presenza di giornalisti e cittadini, che il Superanalotto e’ tutto una truffa. Inoltre annunciai che nell’estrazione delle 20.10 dello stesso 22 agosto 2009, i responsabili del gioco avrebbero fatto uscire la sestina vincente, in quanto il montepremi aveva superato il record massimo. E cosi’ fu. Insomma io alle 14.00 del 22 agosto 2009, avevo annunciato, molte ore prima, che il 6 l’avrebbero fatto senz’altro uscire!!!. Qui di seguito vi metto il link dove potete trovare la notizia della mia ‘performance’ del 22 agosto 2009.

http://www.adnkronos.com/IGN/Speciali/SuperEnalotto/Blitz-di-Paolini-ai-Monopoli-Brucia-due-schedine-e-ingoia-una-banconota-da-5-euro_3683085734.html

Vi inserisco anche il link di un video che e’ stato inserito su you tube, in merito alla mia iniziativa, sempre del 22 agosto 2009.

http://www.youtube.com/watch?v=5gC9DBP6yiY

Inoltre il 28 luglio 2010, sotto la sede del Quotidiano torinese “Cronaca Qui”, ho portato avanti un’altra ‘performance’, in stile felliniano, anche contro il Superenalotto. In quell’occasione gridai, sempre in presenza di giornalisti e cittadini, che la sestina vincente l’avrebbero fatto uscire solo dopo che il montepremi per il 6 superava la vincita milionaria di Bagnone, ovvero oltre i 147 milioni di euro. Qui di seguito metto il link di un articolo pubblicato da “Cronaca Qui”, che riporta una parte della mia ‘performance’.

http://cronacaqui.it/28/07/2010/paolini-si-spoglia-davanti-a-cronacaqui-«lippi-deve-restituire-almeno-il-grano»-video/

Vi inserisco anche il link di un video che e’ stato inserito su you tube, in merito alla mia iniziativa, sempre del 28 luglio 2010.

http://www.youtube.com/watch?v=ym6fvt4qlUo

Ed ancora il 3 agosto 2010, sotto la sede del quotidiano “Il Secolo XIX”, a Genova, ho ancora portato avanti una mia ‘performance’ contro il Superenalotto. Anche in quell’occasione, sostenni che il 6 l’avrebbero fatto uscire solo quando il montepremi superava il record di Bagnone. Ed ancora una volta la storia mi da’ ragione!!!. Per l’estrazione di questa sera, il montepremi per il sei, e’ arrivato a 151,5 milioni di euro!!!. Qui sotto vi metto il link del video pubblicato su you tube della mia ‘performance’ del 3 agostio 2010.

http://www.youtube.com/watch?v=P25zKuIgM0c









Copyright © byIl sito ufficiale di Gabriele Paolini, il profeta del condomTutti i diritti riservati.

Pubblicato su: 2010-10-02 (3389 letture)

[ Indietro ]




Il sito ufficiale di Gabriele Paolini, il profeta del condom
Gabriele Paolini (c)
Generazione pagina: 0.044 Secondi