Welcome to !

 Gabriele Paolini
- Paolini senza censure
- La Sessualità
    Paoliniana

- La famiglia
- Stelle in cielo
- Gli amici
- Dicono di lui

 Rubriche
- Gli scoop
- Le querele ricevute
- Le querele presentate
- La Lista Nera di Paolini
- Immagini Artistiche Paoliniane
- Fans e Fan Club

 Le battaglie

- Gli inquinamenti
- I nemici storici
- Rassegna stampa
- I numeri


L’ARTISTA GABRIELE PAOLINI CREDE FORTEMENTE NEI FIORI DI BACH E NE FA USO, GRAZIE ALL’INSEGNAMENTO DELLA SIGNORA MARIA LUISA CINQUE, NATUROPATA E MADRE DI ALESSIA CURCIO, LA PIU’ IMPORTANTE AMICA DEL PROFETA DEL CONDOM.







N.B.: MARIA LUISA CINQUE (per informazioni e per appuntamenti, chiamare il numero di telefono mobile 348-2515344).



I FIORI DI BACH: MEDICINA O ESOTERISMO MAGICO?.



COSA SONO?.

Si dà il nome di “Rimedi Floreali di Bach” alla serie di 38 infusioni naturali estratte da fiori silvestri della regione del Galles, Gran Bretagna”. I rimedi di Bach sono 36 fiori, di cui uno coltivato, 1 gemma e 1 acqua.



PERCHE’ SI CHIAMANO FIORI DI BACH?.

Questi rimedi floreali prendono il nome dal loro scopritore, il dottor Edward Bach, che li scoprì fra gli anni 1926 e 1934. Egli nacque a Birmingham nel 1886, nel Galles. Fu medico microbiologo, ricercatore, omeopata. Dopo avere svolto attività clinica, nell’ultima parte della sua vita si ritirò nelle campagne gallesi, scoprendo le potenzialità terapeutiche dei suoi 38 rimedi, che sperimentò tutti su di sé.



QUALI SONO I PRESUPPOSTI FILOSOFICI DELLA TERAPIA?.

Secondo Bach ognuno di noi è figlio di Dio ed inserito all’interno di una realtà superiore e globale, in un disegno perfetto. Bach sostenne la reincarnazione: “Quella breve permanenza sulla terra che noi conosciamo come vita non è altro che un istante effimero nel corso della nostra evoluzione, come potrebbe esserlo un giorno di scuola nell’insieme della nostra esistenza. Anche se per il momento non possiamo comprendere niente altro se non quell’unico giorno di scuola, l’intuito ci dice che la nascita è infinitamente lontana dall’essere l’inizio e la morte ugualmente lontana dall’essere la nostra fine. Le nostre anime, che sono in realtà ciò che noi siamo, sono immortali e i corpi, che noi riconosciamo coscientemente, sono temporanei. Come se fossero semplici cavalli che montiamo per fare un viaggio, o strumenti che usiamo per fare un determinato lavoro...”. “Ogni anima incarnata si trova qui con il compito specifico di acquisire esperienza e comprensione e di perfezionare la propria personalità...”.

Secondo Bach la malattia è il prodotto della dissonanza tra l’Io, rappresentato dalla nostra mente razionale, ed il Sé superiore, la nostra anima: quando durante questa vita tradiamo gli intendimenti, e gli scopi che la nostra anima ha scelto di perseguire in essa, si genera una disarmonia, un conflitto che da emotivo diviene fisico e dal quale emerge la malattia. Bach definisce la malattia in questo modo: “la malattia non è né una crudeltà in sé, né una punizione, ma solo ed esclusivamente un correttivo, uno strumento di cui la nostra anima si serve per indicarci i nostri errori, per trattenerci da sbagli più gravi, per impedirci di suscitare maggiori ombre e per ricondurci sulla via delle verità e della luce, dalla quale non avremmo mai dovuto scostarci”. La malattia insorge per due motivi: qualora la personalità non viva più in sintonia con l’anima, ma nell’illusione di una esistenza separata; qualora la personalità rifiuti il principio dell’Unità ed agisce contro l’anima e quindi contro gli interessi dell’Unità Globale.



COME AGISCONO I FIORI DI BACH?.

L’effetto terapeutico dei fiori di Bach non dipende dall’utilizzo di proprietà fitoterapiche delle piante, ma risiede nell’effetto della specifica vibrazione terapeutica del fiore. Il termine vibrazione definisce ognuna delle variazioni periodiche dello stato di un sistema fisico, per quanto riguarda la sua posizione di equilibrio. Essa rappresenta una caratteristica della materia e deriva dalla attività dinamica degli atomi della materia vivente e non. Essa nasce in relazione alla rotazione degli elettroni intorno al nucleo, alla mobilità di quest’ultimo e dal movimento degli altri elementi subatomici. Anche gli oggetti inanimati possiedono vibrazioni, che cessano solo quando la temperatura scende al di sotto dei – 274°C. Le vibrazioni all’interno di uno spazio di tempo danno origine alla frequenza. Quando il corpo fisico di una persona è in salute, risuona con una determinata vibrazione o frequenza energetica dominante. Oltre al corpo fisico e interconnessi con lui, ognuno di noi possiede strutture o corpi energetici più sottili (corpi sottili), che solitamente non sono visibili all’occhio umano, ma il cui stato incide in modo rilevante sulla salute del corpo fisico. Il corpo umano, quindi, è costituito da sistemi fisici-cellulari che interagiscono in modo dinamico con campi di energia complessi che a loro volta fungono da regolatori. I fiori di Bach agiscono su tutti i corpi sottili, poiché contengono energia di alta frequenza ed agendo su essi esplicano i loro effetti anche sul corpo fisico. La vibrazione di ognuno di loro corrisponde ad una specifica emozione positiva e anche ad una specifica caratteristica dell’anima. Se la persona non è in armonia con il proprio Sé Superiore, si produce una distorsione energetica in una o più delle 38 frequenze. Ciò si ripercuote sul campo energetico umano, producendo o rinforzando uno stato d’animo negativo, dal quale a lungo andare scaturirà la malattia del corpo fisico. L’assunzione dei fiori agisce ripristinando l’armonia tra Sé Superiore e personalità, ristabilendo la giusta vibrazione dell’emozione dissonante. Questo spiega perché se si assume un fiore con una vibrazione corrispondente ad una emozione non squilibrata esso non produce nessun effetto. 5 Bach stesso spiega l’azione dei fiori in uno scritto del 1934: “Attraverso la loro alta vibrazione, determinati fiori, arbusti e alberi silvestri appartenenti a un ordine superiore, hanno il potere di aumentare le nostre vibrazioni umane e lasciare liberi i nostri canali ai messaggi del nostro Sé Spirituale (Sé Superiore), inondare la nostra personalità con le virtù che sono a noi necessarie e in questo modo lavare i difetti (del carattere) che causano i nostri mali. Così come la buona musica o altre cose grandiose in grado di ispirarci, i fiori sono in condizione di elevare la nostra personalità e di avvicinarci di più alla nostra anima. In questo modo ci donano pace e ci liberano dalle nostre sofferenze. Non guariscono attaccando in modo diretto la malattia, bensì riempiendo il nostro corpo con le belle vibrazioni del nostro Sé Superiore, alla presenza del quale la malattia si scioglie come neve al sole. Non vi è una vera e propria guarigione senza un cambio di orientamento della vita, senza pace nell’anima e senza la sensazione di felicità interiore”.



QUALE SONO I FIORI BACH?.

Come precedentemente indicato, i fiori, o meglio rimedi, di Bach sono 38, di cui una gemma, un fiore coltivato ed un’acqua. Ognuno di essi ha una specifica indicazione.



Difetto da superare Fiore Virtù da sviluppare Ansia/Tormento Agrimony Pace Debolezza Centaury Fermezza Restrizione Chicory Amore Ignoranza Cerato Saggezza Indifferenza Clematis Bontà Dubbio Gentian Comprensione Impazienza Impatients Indulgenza Timore Mimulus Compassione Terrore Rock Rose Coraggio



PAURA

Rock rose (eliantemo) Mimulus (mimmolo giallo) Cherry plum (visciola) Aspen (pioppo) Red chestnut (castagno rosso)



CURA ECCESSIVA PER GLI ALTRI

Chicory (cicoria) Vervain (verbena) Vine (vite) Beech (faggio) Rock water (acqua di roccia)



INCERTEZZA

Cerato (piombaggine) Scleranthus (scleranto) Gentian (genziana) Gorse (ginestra) Hornbeam (carpino) Wild oat (avena selvatica)



MANCANZA D’INTERESSE NEL PRESENTE

Clematis (clematide) Honeysuckle (caprifoglio) Wild rose (rosa selvatica) Olive (olivo) Whitechestnut (fiori d’ippocastano) Mustard (senape) Chestnut bud (gemme d’ippocastano)



SOLITUDINE

Heather (erica) Impatiens (impatiens) Water violet (violetta d’acqua)



IPERSENSIBILITA’

Agrimony (agrimonia) Centaury (centaurea) Walnut (noce) Holly (agrifoglio)



SCORAGGIAMENTO E DISPERAZIONE.

Larch (larice) Pine (pino) Elm (olmo) Sweet chestnut (castagno dolce) Star of bethlehem (stella di betlemme) Willow (salice) Oak (quercia) Crab apple (melo selvatico)



Oltre ai fiori citati esiste anche il Rescue Remedy, che è l’unica composizione preparata da Bach. È una preparazione costituita da 5 fiori: Rock Rose (panico, il terrore, la paura nelle situazioni di emergenza), Star of Bethlehem (per i traumi e gli shock), Impatient (per l’agitazione e la frenesia), Clematis (per lo stato di shock, la confusione che si caratterizza dal distacco dalla realtà), Cherry plum (perdita di controllo, o paura di perdere il controllo). Le indicazioni per il Rescue Remedy sono da riferirsi alle situazioni di shock, panico, stress, spaventi, traumi.

COME SI PREPARANO?.

La vibrazione terapeutica dei fiori viene catturata dall’acqua mediante due metodi diversi: il metodo del sole6 ed il metodo della bollitura,7 che si eseguono in modo differenziale, secondo le indicazioni fornite da Bach, a seconda delle caratteristiche del fiore (i fiori delle specie arboree più coriacee e legnose vengono preparate con il metodo della bollitura). Da entrambe le preparazioni si ottiene un’acqua energizzata, che deve essere addizionata ad una pari quantità di brandy, che agisce come conservante: da questa soluzione si ottiene la tintura madre. Ponendo due o tre gocce di tintura madre in 30 ml di brandy si ottiene lo Stock, che è la preparazione che si trova in commercio. Dagli stock dei diversi rimedi, scelti in relazione alle necessità della persona, al fine di preparare la boccetta di trattamento, devono essere prelevate due o tre gocce, che andranno poste in una boccetta da 30 ml piena d’acqua e di un 20% di brandy, che agisce come conservante.



COME SI SCELGONO I GUSTI?.



Tintura Madre = Essenza (50%) + Brandy (50%) Stock = Brandy (100%) + Tintura Madre (2 gocce X 30ml) Trattamento = Acqua (80%) + Brandy (20%) + Stock (3 gocce X 30ml) NB in caso di Rescue Remedy si aggiunge il doppio di gocce dello stock.



La scelta dei fiori avviene durante il colloquio con la persona, mediante l’analisi degli stati d’animo e le emozioni che sta vivendo. Esistono tuttavia molti altri metodi di individuazione dei fiori, ad esempio mediante l’uso delle carte, mediante il ricorso a test chinesiologici o mediante il collegamento con il quadro astrologico della persona.

QUAL E’ LA POSOLOGIA DEI FIORI DI BACH?.



Esistono diverse possibilità di posologia. Se ci troviamo in una situazione improvvisa, quale può essere ad esempio un trauma o un forte spavento, possono essere poste da due a quattro (se si utilizza il Rescue Remedy) gocce di soluzione dalla Sock Bottle in un bicchiere d’acqua, che andrà assunto a piccoli sorsi. Per le terapie prolungate, invece si ricorre alla preparazione della boccetta di trattamento, secondo quanto indicato sopra. Questa soluzione viene assunta generalmente quattro volte al giorno, ponendo quattro gocce di soluzione sotto la lingua. Negli stati acuti la dose può essere elevata, fino ad arrivare a 4 gocce ogni 10 minuti, sino a quando non subentrano segni di miglioramento. Occorre dire che i fiori di Bach non agiscono sempre, ma in funzione della sensibilità, della sintonia che la persona sviluppa per i fiori e in relazione al tipo di fiore scelto. Per alcuni problemi è sufficiente una unica somministrazione di un fiore, mentre altre volte occorre assumerli per mesi. Anche la disponibilità al cambiamento della persona influisce sulla resa del fiore. L’assunzione dei fiori non ha alcuna interazione con alcun farmaco e quindi può essere assunta durante qualsiasi tipo di terapia, anche farmacologica. Non esistono controindicazioni.



QUANTO DURA LA TERAPIA?.

Dipende dal tipo di squilibrio e dalla persona. Se lo squilibrio è particolarmente acuto possono essere sufficienti alcune somministrazioni. Qualora si tratti di una condizione cronica i tempi si devono necessariamente prolungare. I fiori generalmente funzionano in 15-20 giorni, dopo i quali è opportuno cambiarli, considerando le nuove condizioni della persona.









Copyright © byIl sito ufficiale di Gabriele Paolini, il profeta del condomTutti i diritti riservati.

Pubblicato su: 2006-08-26 (3403 letture)

[ Indietro ]




Il sito ufficiale di Gabriele Paolini, il profeta del condom
Gabriele Paolini (c)
Generazione pagina: 0.067 Secondi