Welcome to !

 Gabriele Paolini
- Paolini senza censure
- La Sessualità
    Paoliniana

- La famiglia
- Stelle in cielo
- Gli amici
- Dicono di lui

 Rubriche
- Gli scoop
- Le querele ricevute
- Le querele presentate
- La Lista Nera di Paolini
- Immagini Artistiche Paoliniane
- Fans e Fan Club

 Le battaglie

- Gli inquinamenti
- I nemici storici
- Rassegna stampa
- I numeri


GABRIELE PAOLINI SCRIVE UNA LETTERA APERTA INDIRIZZATA AL DIRIGENTE DELLA DIGOS DI ROMA, IL DOTT. GIANNINI





Roma, 3 GIUGNO 2005 Egregio Dottor Giannini, le scrive Gabriele Paolini, "Il Profeta del Condom", il presenzialista TV.

Prima di entrare nel merito della mia lettera, volevo dirle una MASSIMA di mio padre, Gaetano Paolini, Generale dell'Esercito, attualmente il pensione: "Caro Gabriele, io vorrei che tu ricordassi che nella VITA, SI DEVE SEMPRE AVERE IL MASSIMO RISPETTO PER TUTTI, SENZA, PERO', AVERE IL TIMORE DI NESSUNO!!!".

Ritengo, caro Dottore, che sia una frase profondamente giusta. Avendo un papà militare, ho sempre avuto un'enorme rispetto per chi indossa la DIVISA, qualsiasi DIVISA!!!. Però, è altrettanto vero che per il carattere ESUBERANTE, NARCISO ed ECLETTICO che madre natura mi ha dato, ho sempre voluto esprimere chiaramente il mio pensiero, anche se talvolta, questo mi ha creato SERI PROBLEMI.

Venendo a noi, le scrivo CON IL CUORE IN MANO, per un episodio che mi é capitato presso GLI UFFICI della DIGOS di Roma (Questura Centrale, Via Genova), MARTEDI' 31 MAGGIO 2005, che mi ha particolarmente FERITO e STUPITO. Tengo a precisare che se é sacrosanta VERITA', che il sottoscritto é molto BIRICHINO ed ha intrapreso una SCELTA DI VITA, dall'ormai lontano GENNAIO 1997, scelta di vita che, tra le altre cose, mi ha fatto collezionare oltre 1500 querele (tra quelle presentate e quelle ricevute), con relativi procedimenti penali e civili, é altrettanto RICONOSCIUTO da tutte le FORZE DI POLIZIA, vogliasi carabinieri, polizia, guarda di finanza ecc..., che GABRIELE PAOLINI può fregiarsi di un'EDUCAZIONE e RISPETTO nei confronti delle stesse FORZE DI POLIZIA, che NON E' MAI MANCATO in 9 anni di militanza di "INQUINAMENTO TELEVISIVO". Quest'educazione e questo rispetto lo devo esclusivamente all'insegnamento rigido e fiscale impartitomi da mio padre Gaetano Paolini e da mia madre BICE BOCCHICCHIO.

Le ricordo, Dott. Giannini, che in più di un'occasione, ho avuto l'ONORE di conferire con LEI, personalmente. LEI senz'altro ricorderà gli IMPEGNI che ho preso con la sua persona nel non reiterare iniziative di "inquinamento tv", durante il periodo della malattia di Papa Giovanni Paolo II e in'occasione del CONCLAVE per l'elezione del nuovo Pontefice!!!. Impegni che ho giustamente rispettato. Anche perché, se é vero che NESSUNO poteva impedirmi di tentare di seguire lo SCIACALAGGIO TELEVISIVO, prima e dopo la morte di Papa GIOVANNI PAOLO II, perché SCIACALLAGGIO, indiscutibilmente c'è STATO, é altrettanto vero che qualora avessi trasgredito nell'impegno preso con lei, avrei avuto delle conseguenze, di certo non positive!!!. In questi 9 anni, ogni qual volta sono venuto presso gli uffici della Digos di Roma, era da poco avvenuta una mia birichinata televisiva.

Mentre con mio ENORME STUPORE, lo scorso martedì 31 maggio, dopo aver passato un piacevolissimo e molto eccitante, devo sottolineare, pomeriggio, con un mio amico RUMENO di 20 anni, un vero e proprio 'ANGELO CADUTO DAL CIELO', con il quale, come si può facilmente immaginare non ho parlato solo di ECONOMIA e di BERLUSCONI, intorno alle 18.24, circa, stava con GIOIA e SPENSIERATEZZA, camminando e fischiettando, in quel di VIA DELLE QUATTRO FONTANE. Stavo per raggiungere PIAZZA BARBERINI, quando due uomini, mi hanno avvicinato e mostratomi i loro documenti di TUTORI DELL'ORDINE, mi hanno con molta SERENITA' e CORTESIA, invitato a seguirli per poi salire su di una loro macchina, posteggiata a pochi metri, da dove eravamo. Erano le 18.26 e 35 secondi.

Non si stupisca, Dott. Giannini, ma io ho l'abitudine MANIACALE, di segnarmi mentamente e poi sucessivamente su CARTA, ogni cosa che faccio, che mi capita, che dico, che mi si dice. E' sempre stato un ottimo consiglio, quello della precisione, che mi è stato impartito, dal suo collega di polizia, Dott. VUONO, persona di STRAORDINARIA UMANITA' e PROFESSIONALITA'. Purtroppo, però, una volta giunto, per l'ennesima volta, presso la DIGOS, ho intravisto pochissima UMANITA' e PROFESSIONALITA', da parte di un FUNZIONARIO DI POLIZIA, di turno in quel momento.

Alle 18.30, circa, varcavo la soglia dell'ingresso della Questura Centrale di Roma. Una volta entrato negli Uffici della Digos, erano le 18.32, mi invitavano ad accomodarmi su 3 ISOLATISSIME SEDIE, direi POCO ACCOGLIENTI, trattandosi di QUESTURA CENTRALE.

Alchè, uno degli agenti, in borghese, che mi aveva femato in strada, mi ha chiesto un documento di identità ed io all'istante gli ho sporto la mia CARTA D'IDENTITA'. Aspettavo con curiosità, mentre ero seduto e sgranocchiavo qualche PISTACCHIO, di CONOSCERE per quale MOTIVO ERO STATO PORTATO PRESSO LA DIGOS!!!.

E si, perchè come detto sopra, se è vero che in tante occasioni precedenti, sono stato portato presso la Digos, dopo "inquinamenti tv", ero un pò PERPLESSO per questo ACCOMPAGNAMENTO, visto che stavo SEMPLICEMENTE CAMMINANDO IN QUEL DI ROMA!!!. Ad un certo punto, intorno alle 18.52, si è avvicinato alla mia persona un uomo, che, senza presentarsi prima, mi ha chiesto che cosa AVESSI FATTO e perchè ero in VIA QUATTRO NOVEMBRE. Io ho serenamente risposto ed ho chiesto dunque il perché della mia presenza presso la DIGOS. Mi è stato detto, dalla stessa persona, che dovevo attendere e che per via del cartello che aveva in mano, al momento del fermo di polizia in strada e del mio noto grembiule che indossavo, avrei avuto delle conseguenze. QUALI ?. Chiesi, poi. Preciso, Dott. Giannini, che sul cartello che avevo con me, da un lato c'era scritto l'indirizzo del mio sito ufficiale www.gabrielepaolini.it, sull'altro lato, invece, c'era una frase indirizzata al BUON EMILIO FEDE, DIRETTORE del TG4, poco DIRETTORE e molto TG4!!!. C'era così scritto: "UN PENE PER EMILIO FEDE". Invece sul mio grembiule così campeggiava: "PANNELLA PEDOFILO". "COSTANZO PEDOFILO". "TREMONTI PEDOFILO". "CUCUZZA PEDOFILO". "NO AI PRETI PEDOFILI". Mi auguro che le forze dell'odine non abbiano NULLA IN CONTRARIO a CHI LOTTA CONTRO LA PEDOFILIA. Sa Dott. Giannini, a 15 anni, un PRETE MI HA FATTO VIOLENZA PASSIVA e dunque credo, giustamente, di avercela un pò con i PEDOFILI!!!.

Così insistetti, con l'uomo che avevo davanti a me, di cui non conoscevo, fino a quel momento le generalità, nel domandargli perché avrei dovuto avere delle conseguenze e aggiunsi che se per caso, avessi commesso REATI nel CAMMINARE semplicemente o nell'INDOSSARE abiti o nel TENERE IN MANO un cartello, DOVEVO ESSERE GIUSTAMENTE DENUNCIATO. Alché alle 18.55, circa, sempre l'uomo davanti a me, che mi ha detto poi essere un FUNZIONARIO DELLA DIGOS, ha espresso che mi avrebbe denunciato!!!. MA PER CHE COSA?. Dopo poco, la stessa persona, e devo dunque ringraziare SAN GENNARO, mi ha detto che potevo andarmene nel giro di qualche minuto senza essere denunciato, ma dopo la compilazione di un VERBALE DI ACCOMPAGNAMENTO, stilato da un ISPETTORE di P.S., in quel momento di turno. A quel punto non capendo tanto che cosa stesse succedendo, ho chiesto ad uno degli agenti che mi aveva portato presso la DIGOS, di poter fare una telefonata dai loro uffici, per chiamare i MIEI AVVOCATI ed informarli di quello STRANO FINE POMERIGGIO, che stavo vivendo. Sa, Dott. Giannini, io avviso sempre i miei Avvocati, di tutto quello che mi capita. Hanno, i miei, legali anche una lista completa ed aggiornatissima, di tutte le persone con CUI FACCIO SESSO!!!. Compreso, preti, politici, giornalisti ecc..., da BUONA PUTTANA quale PAOLINI INDISCUTIBILMENTE E'. IL SESSO E' SFOGO e non c'è nessuna legge che lo proibisca!!!.

Alchè un agente di P.S., mi ha detto che non potevo telefonare, io ho insistito, dicendo che era mio diritto fare una telefonata. Avevo il mio cellulare, senza credito, perciò, avevo richiesto l'utilizzo di un telefono degli uffici della Digos. Di certo,però, non volevo di certo ABUSARE della linea telefonica della Digos. Allora io ho insistito ed ho trovato poi un agente di P.S., che fortunatamente mi ha autorizzato ad utilizzare il mio telefonino. Ho chiamato così uno dei miei Avvocati, il Dott. Massimiliano Kornmuller e gli ho raccontato il tutto. Dopo poco, visto che mi scappava la 'pipì', ho chiesto cortesemente di potere andare in toilette e mi hanno subito gentilmente fatto andare. Al mio ritorno ho riparlato con il FUNZIONARIO, che ad una mia seconda domanda, in merito a come si chiamasse, mi ha risposto: "MI CHIAMO L." (ovviamente cito solo la prima lettera del COGNOME del Funzionario della Digos, per non commettere alcun reato di violazione della privacy). Dopo pochi istanti la stessa persona mi ha precisato che mi aveva detto una falsità e che non si chiamava L. . A quel punto mi sono sentito VERAMENTE UMILIATO, INDISPETTITO. SONO STATO PRESO IN GIRO, anche perchè dopo solo 3 minuti, l'ispettore di P.S. che stava compilando il verbale di accompagnamento, mi ha CONFERMATO che il Funzionario con il quale avevo parlato si chiamava appunto L. . Stavo per PIANGERE DALLA RABBIA!!!. Ma poi la calma ha prevalso. Lo stesso funzionario poi mi ha detto che potevo andarmene, alchè io ho chiesto se dovessi leggere e firmare, sempre che volessi, il VERBALE DI ACCOMPAGNAMENTO. Il funzionario mi ha risposto che potevo andarmene, senza leggere e firmare niente. Dopo pochi minuti, invece, l'Ispettore di P.S., mi ha fatto avere copia del verbale, che io ho letto e firmato. Così, prima di lasciare gli uffici, visto che NESSUNO mi aveva ridato le MIE COSE, CARTELLO E GREMBIULE, ho chiesto al Funzionario che RIVOLEVO IL TUTTO. Non l'avessi mai fatto!!!.Il funzionario, sempre davanti a colleghi, a così testualmente detto, alle 19.43: "LEI E' ANCORA QUI!!!. SE NE DEVE ANDARE. RIDATEGLI LE SUE COSE E MANDATELO VIA, CHE DI LUI NE HO ABBASTANZA!!!".

E così finalmente riavuto tutto il mio GUARDAROBA, alle 19.46, sono uscito dagli uffici della DIGOS di ROMA, LETTERALMENTE INFASTIDITO, UMILIATO, INGIURIATO, DELUSO!!!.

NON AGGIUNGO ALTRO, caro Dott. GIANNINI, ma in una società un cui un elemento come IZZO, gira per le strade e con i suoi PRECEDENTI, AMMAZZA SENZA PIETA' ALTRE PERSONE, senza che alcun MAGISTRATO o FORZA DI POLIZIA, RIESCA AD IMPEDIRE UN TALE CRIMINE, EBBENE LE DICO, in tutta onestà, che se nel pomeriggio del 31 maggio 2005, dopo del SALUTARE SESSO ero molto sereno e rilassato, dopo aver incontrato il suo COLLEGA L., ero MOLTO INCAZZATO e mi conceda il termine!!!. Io le chiedo solo una cosa, prima di passare il TUTTO in MANO DEI MIEI LEGALI, ovvero poter UMANAMENTE CONFERIRE con il suo COLLEGA. VORREI delle SCUSE dal Dott. L. . In mancanza delle quali mi sentirei ancora più MORTIFICATO ed andrei, così, a dare ALTRO LAVORO AI MIEI AVVOCATI, sempre prontissimi a difendere la mia IMMAGINE PUBBLICA!!!.

Le lascio, Dott. Giannini, la mia email personale (edizionipaolini@libero.it) ed un racapito telefonico (339-4373526).

Essendo questa una lettera aperta sono SICURO, anzi STRASICURO, che la sua CORRETTEZZA e la SUA PROFESSIONALITA', che la contraddistingue, LE PERMETTERA' di RISPONDERMI al più presto!!!. Ed il mio grandissimo augurio é quello di poter chiarire il tutto, con la massima serenità, con il suo collega, il Dott. L., magari davanti ad un tè o una cioccolata, della vostra macchinetta che distribuisce bevande e varie, presso i vostri uffici. Nel frattempo vi auguro un BUON LAVORO, a tutti VOI, compreso il Dott. L., in quanto fate un' ATTIVITA' PREZIOSISSIMA a tutela della nostra SICUREZZA!!!.

CORDIALI SALUTI, l'artista GABRIELE PAOLINI

N.B.: Voglio anche precisare che ho spedito copia della lettera aperta, all'attenzione del QUESTORE DI ROMA, del MINISTRO DEGLI INTERNI E DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA.









BY GABRIELE PAOLINI

Copyright © byIl sito ufficiale di Gabriele Paolini, il profeta del condomTutti i diritti riservati.

Pubblicato su: 2005-06-03 (3756 letture)

[ Indietro ]




Il sito ufficiale di Gabriele Paolini, il profeta del condom
Gabriele Paolini (c)
Generazione pagina: 0.048 Secondi