Welcome to !

 Gabriele Paolini
- Paolini senza censure
- La Sessualità
    Paoliniana

- La famiglia
- Stelle in cielo
- Gli amici
- Dicono di lui

 Rubriche
- Gli scoop
- Le querele ricevute
- Le querele presentate
- La Lista Nera di Paolini
- Immagini Artistiche Paoliniane
- Fans e Fan Club

 Le battaglie

- Gli inquinamenti
- I nemici storici
- Rassegna stampa
- I numeri


Roma 8 – 9 -2004 Paolini tira le orecchie a Ciampi e rischia la galera












Senza parole. Così è rimasto il pubblico del Tg1 andato in onda ieri alle 13.30.
A condurre il videogiornale dallo studio la giornalista Susanna Petruni, già pluri - inquinata da Paolini.
Sono le 13.41 quando lo studio televisivo si collega con la reporter Barbara Carfagna, in quel momento pronta a parlare delle due italiane rapite in Iraq due giorni fa.
La giovane giornalista si trova in piazza Vittorio Emanuele II di fronte al portone del civico 132, sede dell’Associazione “Un ponte per Baghdad”.
Il suo servizio è interamente incentrato sugli sviluppi del rapimento delle due volontarie.
Come se fosse il mago Otelma Paolini compare dal nulla, operatori e cameraman rimangono impietriti. L’unica a non accorgersene è proprio la giornalista Carfagna. Ancora un passo e Paolini è alle sue spalle.
Alla sinistra della corrispondente il Disturbatore mostra il cartello del suo sito. Alla destra espone invece il suo noto faccione. Dopo l’attimo di stupore il cameraman stringe l’inquadratura mostrando solamente il viso della giornalista.
Paolini capisce di non aver più tempo. Si avvicina al microfono e con la mano a mò di megafono lancia una durissima accusa nei confronti del Capo dello Stato, reo, a detta di Paolini, di non aver minimamente preso posizioni contrarie all’intervento militare italiano in Iraq (articolo 11 della Costituzione).
Finisce l’inquinamento ma non la vicenda. A questo punto due tecnici “buttafuori” della Rai picchiano pesantemente Paolini. Successivamente l’Inquinatore viene visitato all’Ospedale San Giovanni.
Il referto del pronto soccorso parla di una costola incrinata con una prognosi di almeno 15 giorni salvo complicazioni.
Nelle prossime ore Paolini rischierà un processo per direttissima, cosa mai capitata al Profeta. Proprio ieri sera, intorno alle ore 20, gli è stato notificato l’articolo 161 del Codice di Procedura Penale, elezione di Domicilio, dal commissariato di PS Roma Esquilino.









Copyright © byIl sito ufficiale di Gabriele Paolini, il profeta del condomTutti i diritti riservati.

Pubblicato su: 2004-09-09 (14329 letture)

[ Indietro ]




Il sito ufficiale di Gabriele Paolini, il profeta del condom
Gabriele Paolini (c)
Generazione pagina: 0.047 Secondi