Welcome to !

 Gabriele Paolini
- Paolini senza censure
- La Sessualità
    Paoliniana

- La famiglia
- Stelle in cielo
- Gli amici
- Dicono di lui

 Rubriche
- Gli scoop
- Le querele ricevute
- Le querele presentate
- La Lista Nera di Paolini
- Immagini Artistiche Paoliniane
- Fans e Fan Club

 Le battaglie

- Gli inquinamenti
- I nemici storici
- Rassegna stampa
- I numeri


Roma – 13/07/2004 - Il Paolini Show




Pippo BaudoIl profeta del condom dà spettacolo in aula durante il processo intentatogli dalla Rai, rivelando il nome di chi lo ha aiutato nella sua incursione.


Vi avevamo già parlato di questa vicenda, che vede protagonista (decisamente involontario, considerando che non si è presentato come parte civile) Pippo Baudo (vedi la notizia relativa).
Questa mattina si è svolta una nuova udienza e le sorprese non sono mancate. Il presenzialista si è infatti presentato con gli abituali frac e guanti bianchi, ma anche con un bastone da passeggio, a causa di un problema al piede, dimostrato anche da un certificato medico in cui venivano riscontrati due giorni di prognosi. In un primo tempo, le solerti forze dell'ordine non volevano ammettere l'oggetto all'interno dell'edificio del tribunale ed è servita una mezz'ora di discussioni per consentire all'inquinatore supremo di entrare con il suo sostegno. Comunque sia, ben tre poliziotti (peraltro molto cortesi e discreti) hanno seguito Paolini in ogni suo passo, fino all'uscita avvenuta verso le 14.00.

Ma il meglio doveva ancora venire. Di fronte al giudice Steidl, il profeta si lanciava in un appassionato monologo per chiarire le sue ragioni. In primis, spiegava perché non ha accettato di pagare l'oblazione di 258 euro, che avrebbe di fatto concluso il processo. "Intanto sono un sans-papiers e non avrei potuto sborsare questa cifra. Ma soprattutto mio padre mi ha insegnato ad assumermi le responsabilità delle mie azioni e io sono lieto di poter accertare i fatti in questione", ha detto Paolini, che ha poi proseguito spiegando meglio come è avvenuta la sua performance in oggetto.
"Sono stato informato del collegamento dal mio amico Mauro Mazza, attualmente direttore del Tg2. D'altronde, in questi casi, è frequente che i giornalisti mi mandino da un telegiornale concorrente. Invito quindi gli avvocati della Rai ad essere più attenti, perché ritengo che i collegamenti in diretta siano sempre inutili da un punto di vista giornalistico, ma servano soltanto ad enfatizzare una notizia. E non ci si può certo lamentare con me, che non faccio altro che fluttuare sul suolo pubblico, cosa che fanno tanti altri semplici cittadini davanti ad una telecamera. Spero, vostro onore, che lei faccia finalmente luce su questa situazione ambigua, unica nella storia della televisione mondiale".

Dopo questo intervento esplosivo, il processo è stato rinviato al 4 novembre, quando verranno ascoltati alcuni testimoni e visionata la registrazione del programma incriminato.
Per finire, una nota di colore. Prima di uscire dall'aula, il presenzialista ha omaggiato con un cetriolo l'avvocatessa della tv di stato, che ha accettato con molta eleganza, dichiarando che avrebbe passato il cadeau al direttore degli affari legali della Rai Rubens Esposito. In seguito, all'uscita dell'aula si è svolta una sorta di mini conferenza stampa, in cui erano presenti giornalisti del Corriere della Sera e dell'Ansa.









A cura di Gon

Copyright © byIl sito ufficiale di Gabriele Paolini, il profeta del condomTutti i diritti riservati.

Pubblicato su: 2004-07-13 (7722 letture)

[ Indietro ]




Il sito ufficiale di Gabriele Paolini, il profeta del condom
Gabriele Paolini (c)
Generazione pagina: 0.043 Secondi